Banche

Comunicato definitivo su accordo CR Saluzzo

Segreterie di Coordinamento Sindacale del GRUPPO BPER

Raggiunto l'accordo sul progetto CR SALUZZO

Venerdì scorso 9 novembre a Modena è stato raggiunto l'accordo sindacale relativo all'operazione di migrazione informatica, accentramento di attività e passaggio al modello distributivo del Gruppo Bper di Cr Saluzzo.

Durante i quasi tre mesi di trattative l’azienda ha accettato di valutare la situazione della Cr Saluzzo nel suo complesso "come operazione straordinaria anche se al di fuori del Piano Industriale", accogliendo il principio che la soluzione dei problemi andasse gestita in analogia e continuità con quanto realizzato nel Gruppo in vigenza di Piano Industriale 2015-2017.

Data la presenza di un numero significativo di esuberi legati sopratutto all'accentramento di attività nelle aziende del Gruppo (34 su 183 dipendenti), si è affrontata la situazione attraverso la creazione di un polo decentrato della macchina operativa di BperService denominato “Polo Middle Office Nord Ovest”.

Per i colleghi in esso impiegati è stato previsto il distacco che, come tutti quelli già in essere nel Gruppo, prevede il rientro anche a richiesta del singolo collega al verificarsi di particolari situazioni.

Come detto, la riorganizzazione prevede l’applicazione presso la Cr Saluzzo del modello distributivo (il cosiddetto Footprint) che ha comportato, al pari di quanto avvenuto nel resto del Gruppo, importante mobilità professionale, attraverso notevoli cambiamenti di ruolo, e territoriale, con numerosi trasferimenti.

Da questo punto di visto, l'accordo raggiunto ricalca quello già condiviso a livello di Gruppo, con la previsione di percorsi di carriera per i diversi ruoli professionali.

Anche le perplessità che abbiamo espresso sono le stesse rispetto a un modello che priva le filiali della figura del vice direttore e in molti, troppi casi, produce riconversioni prive di continuità professionale, che vanificano competenze e percorsi e che generano mortificazione e senso di inadeguatezza. Va ulteriormente precisato che un modello come quello applicato al Gruppo evidenzi notevoli difficoltà per la struttura organizzativa della Cr Saluzzo: il notevole sottodimensionamento delle filiali fa si che il forte rischio di avere colleghi soli in filiale si realizzi, creando le condizioni per un servizio poco coerente con le aspettative del Gruppo per la clientela e soprattutto ponendo a rischio fisico e psicologico i colleghi coinvolti.

Anche in questo caso abbiamo confermato le norme già presenti nel Gruppo BPER, adattandole alla realtà della banca e che varranno, ovviamente, sia per i colleghi delle filiali che per coloro che svolgeranno la loro attività in sede (sia della banca che per coloro in distacco).

L’integrazione della CR. SALUZZO nel mondo BPER prosegue, evidentemente, a ritmi sostenuti, anche nella attività. Riteniamo che l’aver ottenuto garanzie sia economiche che normative sia la “giusta modalità” per contribuire a dare a tutti i colleghi fiducia e prospettiva.

L'assenza, al momento, di chiusure di filiali per la Cr Saluzzo è motivo di "conforto" e di garanzia di mantenimento dei posti di lavoro sul territorio, anche, in prospettiva per i colleghi somministrati che hanno visto confermati i contratti sino al 21 dicembre e per i quali è stata richiesta attenzione, al apri di analoghe situazioni nel gruppo, rispetto a una possibile futura stabilizzazione.

L'accordo, che riteniamo di assoluta garanzia, verrà illustrato a breve in un’assemblea di tutto il personale.

Segreterie di Coordinamento Sindacale del GRUPPO BPER

FABI - FIRST/CISL - FISAC/CGIL - UILCA – UNISIN

Modena, 12 novembre 2018

September 2021
Mo Tu We Th Fr Sa Su
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 1 2 3