La storia

Fu fondata nel sec. VIII a.C. da coloni greci calcidesi. Il suo primo nome fu Zancle dalla forma del suo porto – “Falce” – insenatura semicircolare.

Fu invasa dai Messeni nel V sec. E fu chiamata Messanion. Nel 241 a. C. fu conquistata dai romani, bizantini dai saraceni, poi dai normanni.

Nel medioevo la città assunse grande importanza per i traffici marittimi e il suo porto fu la base di partenza delle crociate verso la Terra Santa.

Durante il dominio di Federico II, scoppiarono numerose rivolte contro la dinastia sveva e favorevole a Carlo D’Angiò che nel 1266 occupò l’Italia meridionale e la Sicilia. Durante tale periodo, Messina contese a Palermo il titolo di Capitale del’Isola, ma il sopravvento del ceto borghese e municipale la portò a schierarsi contro Carlo D’Angiò il quale privilegiando i commerci napoletani, sfavoriva quelli siciliani.

Un successivo periodo di pace vide la rinascita dell’economia e di attività produttive, Messina cominciò a rendersi autonoma dall’ amm.ne del vicerè spagnolo che aveva sede a Palermo.

Le rivendicazioni spagnole portarono a delle rivolte antispagnole, con l’aiuto della Francia la cui flotta sbarcò nel porto di Messina ma dopo quattro anni si ritirò, lasciando la città e la sua popolazione in balia degli spagnoli.

Ciò portò alla perdita dell’autonomia e di tutti i privilegi acquisiti e diede l’avvio ad una decadenza, accentuata nel XVII sec. da terremoti ed epidemie.

Nell’ottocento Messina potè risollevarsi, ma un altro terremoto (28/12/1908) la devastò insieme all’intervento dell’uomo che con l’esplosivo demolì strutture che potevano essere recuperate, convinti di ricostruire la città in altro sito.

Dopo la seconda guerra mondiale, Messina risorse completamente.

La maggior fonte di economia messinese nel tempo è stata legata al suo porto naturale, dominato dalla statua della Madonna della Lettera, patrona della città.
Ultimamente è scalo importante per le navi da crociera.

Da segnalare il Duomo con il suo caratteristico campanile che ogni giorno alle 12,00 in punto anima le sue figure meccaniche.

Le ricorrenze principali per la città di Messina sono: il 3 giugno “Festa della Patrona” ed il 15 agosto “La Vara”, caratteristica processione di un carro trionfale “L’Assunta in cielo” progettatonel 1535 – tirato a braccia da centinaia di fedeli.

April 2020
Mo Tu We Th Fr Sa Su
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 1 2 3