8 marzo 2020

Quest’anno la Commissione Pari Opportunità FABI Messina, ha deciso di inviare questo comunicato non soltanto alle nostre Donne ma a tutti gli Iscritti in quanto il problema della differenza di genere e delle pari opportunità, è un obiettivo non soltanto femminile ma di tutti.

Gli ostacoli che le donne affrontano nella vita lavorativa sono innumerevoli: molti nascono direttamente all’interno dell’ambito familiare, altri invece sono introdotti da una gerarchia prettamente maschile, proprio per rallentare la loro scalata verso il successo.

 

Solo per ricordare…

  • Nel 2019 le vittime di Femminicidio (qualsiasi forma di violenza esercitata sistematicamente sulle donne in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale, allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne l'identità attraverso l'assoggettamento fisico o psicologico, fino alla schiavitù o alla morte) sono 95 mentre nei primi 40 giorni del 2020 le vittime sono 14.
  • Più di 1 persona su 4 pensa che le donne possano provocare violenza sessuale con il loro modo di vestire; il 39.3% ritiene che una donna, se lo volesse, potrebbe sottrarsi a un rapporto sessuale; il 15.1% dice che se una donna subisse violenza mentre è ubriaca o sotto l’effetto di droghe ne sarebbe in parte responsabile…..
  • E’ stato anche chiesto perché alcuni uomini sono violenti con le proprie compagne/mogli:
    • il 77,7% (84,9 donne – 70,4 uomini) ha risposto che le donne sono considerate degli oggetti di proprietà;
    • il 7,4% ritiene accettabile sempre o in alcune circostanze che “un ragazzo schiaffeggi la sua compagna/moglie perché pensa che abbia flirtato/civettato con un altro uomo;
    • il 6,2% che non c’è nulla di male se ci scappasse uno schiaffo ogni tanto;
    • il 17,7% ritiene accettabile che l’uomo controlli abitualmente cellulare e/o attività sui social network della propria moglie/compagna.

Questi non sono dati dell’anno 1800…..

Siamo nel 2020 ed ancora siamo lontani dal rispetto che meritiamo, non perché siamo donne ma perché siamo

PERSONE

Sit in protesta Do Bank

Si è tenuto in data odierna, il sit-in di protesta dei lavoratori di DoBank chiamati oggi allo sciopero nazionale e dei dirigenti delle OO.SS. dei bancari presenti su Messina. 

Una situazione – quella di DoBank – che ha dell’inversosimile in quanto la banca ha chiuso un bilancio 2018 con un utile di oltre 50 mln ed ha nonostante questo dato dichiarato 160 esuberi.

I lavoratori a rischio sono quelli delle piazze dove DoBank ha deciso di chiudere e tra queste rientra Messina. La Fabi insieme alle altre OO.SS. è vicina ai lavoratori, sappiamo infatti che a livelli nazionali si sta lavorando per trovare la soluzione migliore per i nostri Colleghi.

La nomina di Filippo Restuccia

La Segreteria Provinciale FABI Messina, riunitasi in data 28/1 ha votato all’unanimità dei presenti, la cooptazione e quindi l’ingresso nella struttura provinciale, nella qualità di Segretario, del Collega Filippo Restuccia, già componente Direttivo Provinciale.

A Filippo vada l’augurio da parte dell’intera FABI Messinese, per un proficuo lavoro.

La Segreteria Provinciale FABI Messina

Servizio Commissione pari opportunità

Care colleghe,

in relazione alle problematiche connesse all'attività lavorativa di noi donne, sempre più pregnanti, sia per la crescita professionale che per il quotidiano rapporto lavorativo

VI COMUNICHIAMO

che il SAB FABI Messina, sensibile a queste tematiche, ha formato un gruppo di ascolto, per tutte le lavoratrici e pensionate iscritte al nostro sindacato.

Chi avesse interesse ad usufruire di questo servizio può contattare in forma riservata le seguenti colleghe:

STEFANIA CAVALLARO   347 5267765

CARMEN DE GAETANO   345 9833275

MARIAGRAZIA MAIORANA   392 6172336

ANNA FIORELLA MILIOTI   349 8549244

SONIA MERLINO   338 9427272

ADRIANA DE LUCA   347 0040739

PIATTI PATRIZIA   331 9078019

DI BELLA ANGELA  347 6076976

Garantiamo massima riservatezza, nel rispetto della relativa normativa vigente ed eventuale consulenza.

Commmissione Pari opportunità

Segreteria provinciale FABI Messina

Comunicato campagna prevenzione 2018-2019

Uni.C.A.: Campagna di Prevenzione 2018-2019

I Consiglieri di parte elettiva

Vi comunichiamo il lancio della nuova Campagna di Prevenzione 2018-2019 che sarà accompagnata, per la prima volta, da una contestuale iniziativa di prevenzione odontoiatrica rivolta ai minori e da una specifica iniziativa per gli under 40.

Il Consiglio di Amministrazione di Uni.C.A. ha approvato un Piano di prevenzione ancor più ampio rispetto agli anni precedenti, destinando, allo stesso, uno stanziamento complessivo più corposo.

Il nuovo Piano di prevenzione, che nell’ambito delle casse sanitarie nazionali rimane unico nel suo genere, ripropone, per la Campagna “tradizionale” non dentaria, l’impostazione ed i protocolli utilizzati nella Campagna 2016-2017, così come raccomandato dal Comitato Scientifico della Cassa, che ne ha sottolineato la validità, introducendo, inoltre, una rilevante novità: l’estensione dell’iniziativa anche agli associati di Uni.C.A. con età inferiore ai 40 anni, segmento finora mai ricompreso nel perimetro dei destinatari.

Anche questa fascia di associati, pertanto, potrà fruire di un set di controlli di base (esami di laboratorio) ritenuti scientificamente adeguati per le popolazioni più giovani che non necessitano, in generale, di esami clinici più specifici.

La Campagna è partita il 15 ottobre 2018, e durerà sino a fine luglio 2019.

La Campagna di prevenzione “tradizionale” avrà come destinatari i Titolari di copertura in servizio, in esodo, in pensione, ivi compresi i coniugi /conviventi more uxorio dei Titolari purchè anch'essi dipendenti o esodati o pensionati del Gruppo (o delle Società esterne aderenti ad Uni.C.A.) inclusi nella copertura.

I Protocolli di prevenzione saranno riportati nell'apposita guida operativa Uni.C.A./Previmedical, distinti per la popolazione maschile e femminile e, al loro interno, per fasce di età (da intendersi riferite alla data del 30 settembre 2018) che sono state adeguate a quelle scientificamente utilizzate ed il cui maggior numero previsto per gli uomini (4 rispetto alle 2 delle donne) è correlato alla maggiore probabilità di riscontrare un rischio cardiovascolare elevato negli uomini anche in giovane età.

La Campagna prevede per i destinatari due accessi alle strutture, necessariamente in tempi diversi ma molto ravvicinati:

  • • un primo accesso (fase 1) volto all'effettuazione di esami di laboratorio, e che prevede il calcolo da parte della Struttura sanitaria del valore del “rischio cardiovascolare” calcolato secondo i criteri del Progetto Cuore dell’Istituto Superiore di Sanità (informazione di rilevante interesse per il cardiologo, che effettuerà in fase 2 la visita cardiologica);
  • • un secondo accesso (fase 2), che prevede, non appena disponibili i risultati degli esami di fase 1, accertamenti mirati: mammografia per donne con età a partire dai 50 anni; cardiologica con ECG, in relazione all'età ed al rischio cardiovascolare rilevato; oncologica per uomini e donne a partire dai 50 anni e la produzione da parte della Struttura sanitaria della scheda “referti pacchetto oncologico”.

Al fine di valutare nel tempo l’efficacia degli screening di prevenzione, agli associati verrà richiesto dalla struttura sanitaria il consenso per il trattamento, in forma anonima, dei risultati degli esami effettuati. Si sottolinea che gli esiti degli accertamenti (ivi compreso il livello di rischio cardiovascolare specifico di ciascuno) saranno, ovviamente, consegnati ai soli interessati.

Dal punto di vista operativo, gli aventi diritto al check-up dovranno rivolgersi a Previmedical secondo le istruzioni pubblicate nella guida sul sito di Uni.C.A., dove è altresì indicato come accedere all'elenco delle strutture dove fruire del check-up.

Per maggiori dettagli, vi invitiamo, infine, a leggere anche la nota del Comitato Scientifico che illustra i razionali scientifici della Campagna 2018-2019.

Come anticipato in premessa, il nuovo Piano di prevenzione di Uni.C.A. prevede, in contestualità e con gli stessi termini temporali della Campagna di prevenzione sin qui trattata, un’innovativa iniziativa di prevenzione dentaria destinata ai minori: tale iniziativa è rivolta ai figli di tutti gli associati aventi età compresa tra i 6 ed i 18 anni non compiuti alla data del 30 settembre 2018, purché inclusi nella copertura base non odontoiatrica. La prevenzione dentaria rivolta ai minori prevede una visita di controllo, un’ablazione del tartaro (se necessaria) e, infine, all'occorrenza, un’applicazione topica di fluoro professionale, presso uno degli studi odontoiatrici convenzionati con Pronto Care. Con riferimento al trattamento con fluoro, di cui vengono confermati scientificamente positivi riscontri relativi alla prevenzione della carie, vi invitiamo a leggere lo specifico documento pubblicato sul sito di Uni.C.A.

Nel manuale operativo Uni.C.A/Pronto Care sono riportate le istruzioni per l’accesso al check up, ivi comprese le modalità per accedere all'elenco delle strutture dove sarà possibile fruire delle prestazioni previste.

Tutti i dettagli saranno pubblicati in una apposita News sul sito di Uni.C.A..

Si ricorda l'importanza di accedere alla Campagna di Prevenzione al fine di alimentare il proprio "Conto Salute", novità dei piani sanitari del biennio 2018-2019.

“Conto Salute” rappresenta una forma di risparmio sanitario che consente al nucleo familiare di accumulare delle disponibilità economiche per le annualità successive alla prima, calcolate in percentuale sui contributi pagati alla Cassa.

Cordialità.

Milano, 18 ottobre 2018

I Consiglieri di parte elettiva

April 2020
Mo Tu We Th Fr Sa Su
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 1 2 3